Magia salomonica rituali d’amore potenti che funzionano

Sulla natura della magia salomonica esistono da sempre pareri discordanti, a partire dall’essere considerata da alcuni magia positiva o angelica e da altri magia negativa o demoniaca. Questa confusione è alimentata anche dalle false informazioni che si trovano in rete, soprattutto nei forum di magia dove scrivono per lo più persone prive di qualsiasi cultura esoterica.

Cos’è la magia salomonica e in cosa consiste

La magia salomonica è una tra le forme di magia più antiche e conosciute, è potente e funziona davvero se adoperata con sapienza secondo tempi, ore magiche e materiali magici ben precisi. È magia positiva sotto ogni punto di vista, appartiene all’alta magia cerimoniale e comprende numerosi rituali di magia bianca e magia rossa di difficilissima esecuzione. Non si commetta l’errore di ritenere che la magia positiva sia più semplice da gestire rispetto ad altre pratiche magiche, in esoterismo non esistono mai incantesimi facili e questo presupposto interessa anche i rituali di magia salomonica.

Essa trae spunto da vari libri di magia tra cui la Clavis Salomonis o Chiave di Salomone, un trattato magico indebitamente attribuito al Re Salomone che, risalente al tardo Medioevo o al Rinascimento italiano, non va confuso con la Clavicula Salomonis o Piccola Chiave di Salomone redatta successivamente. Salomone può essere considerato l’emblema della magia occidentale ed è proprio in uno dei libri più noti della magia salomonica, il Testamento Salomonis o Testamento di Salomone, che viene raccontato il suo primo contatto con le entità soprannaturali. Diventata un punto di riferimento in tutti gli studiosi dei grimori di magia più antichi, la magia salomonica rappresenta oggi una tra le correnti esoteriche e scuole di pensiero più considerate in assoluto.

Perché funziona e quali conseguenze comporta

È indubbio che la magia salomonica funziona senza effetti o conseguenze negative, affermare il contrario significa non conoscerla minimamente. Sarebbe sbagliato tuttavia focalizzarsi solo su di essa e concepirla come unica forma di magia da impiegare, nonostante sia forte ed efficace non è un rimedio universale e include formule, simboli e sigilli che non possono essere applicati in ogni contesto.

Questo tipo di magia è anche definita magia angelica perché alcuni riti si basano sull’invocazione di angeli specifici, a seconda della gerarchia e dell’ordine di cui fanno parte. Va da sé che la magia angelica non può mai avere conseguenze negative, non è coercitiva, non è pericolosa e non provoca nessun tipo di danno. Il suo raggio d’azione è alquanto vasto ma deve essere affidata esclusivamente a un Maestro di alta magia cerimoniale: il fai da te, al contrario, può essere molto pericoloso perché espone al rischio di colpi di ritorno e non permette di ottenere nessun risultato concreto.

Rituali salomonici con formule potenti

I riti di magia salomonica sono una parte del mio patrimonio esoterico che ogni giorno metto a disposizione dei miei assistiti. Conosco i rituali salomonici più introvabili e potenti, gli unici che comprendono le vere formule originali scritte dai più grandi maghi e alchimisti dell’epoca e che sono illustrati solo nei testi di magia più rari. Utilizzo inoltre la magia salomonica per realizzare incantesimi e legamenti d’amore più conosciuti come il rituale di Venere, riti di purificazione, rituali propiziatori e pratiche di altro tipo. Ecco una breve descrizione dei 7 rituali planetari:

  • Rituale salomonico di Venere: il più celebre tra i riti di magia salomonica, è chiamato anche rituale dell’arcangelo Anael o rito di riavvicinamento di Venere ed è utile per far tornare un amore, favorire l’amore tra due persone o conquistare l’uomo o la donna di cui si è innamorati. Il rito di Venere è un legamento d’amore in magia salomonica che non forza la nascita di un amore ma sollecita emozioni interiori e le fa emergere, liberando l’amore se è ostacolato da incomprensioni o terze persone. Non è un plagio bensì un’azione mirata per consentire a un sentimento di svilupparsi e consolidarsi nel tempo. Si basa sul pentacolo di Venere dove sono scritti o incisi i nomi degli angeli (ad esempio Anael, principe di Venere e dell’amore)
  • Rituale salomonico del Sole: il rito del Sole viene eseguito per propiziare la fortuna in amore, al gioco, negli affari e per ottenere l’appoggio di persone influenti
  • Rituale salomonico della Luna: rito magico che ha lo scopo di creare i presupposti per nuove occasioni da sfruttare, sia amorose che negli affari
  • Rituale salomonico di Giove: il rito di Giove serve a propiziare nuove opportunità nel lavoro, ad ottenere ricchezza e abbondanza, a preservare le amicizie e a proteggere la famiglia
  • Rituale salomonico di Marte: si ricorre a questo rituale per eliminare la negatività a qualsiasi livello, avere la meglio sui nemici e vincere le difficoltà con coraggio
  • Rituale salomonico di Saturno: protegge da chi vuole fare del male, allontana i nemici e le persone indesiderate, attira la fortuna
  • Rituale salomonico di Mercurio: il rito magico di Mercurio aiuta in ambito lavorativo, favorisce i guadagni e il superamento di esami, protegge dagli inganni

Nonostante rivesta un’importanza indubbia nello sviluppo di nuove tradizioni esoteriche nei secoli successivi, la magia salomonica non deve indurre a ignorare tecniche ritualistiche altrettanto valide ed efficaci: magia brasiliana, santeria, magia voodoo, magia sacra, magia egiziana e via dicendo non sono certamente inferiori ed è la competenza dell’operatore a fare la differenza, nel momento in cui va scelto il rituale più adatto.

Cerchio magico o circolo magico di protezione

L’invocazione di qualsiasi spirito comporta sempre una percentuale di pericolosità, in quanto gli spiriti che si manifestano possono presentarsi sotto falso nome, farsi beffe dell’operatore e metterlo in serio pericolo. Se questo accadesse, le azioni provenienti da tali entità si ripercuoterebbero direttamente anche sul committente e sul bersaglio del rituale. Per evitare che ciò accada creo sempre un cerchio magico o cerchio di protezione usando un elemento sacro, questo consente di entrare in contatto solo con spiriti positivi e di respingere qualsiasi intromissione di spiriti poco benevoli. Una difesa è indispensabile nell’esecuzione di qualsiasi rituale, l’usanza di proteggersi d’altronde risale a millenni addietro e nei manoscritti di magia salomonica esistono varie indicazioni su come costituire un circolo magico.

Pentacoli magici di Salomone, pentacoli planetari e sigilli magici

Un pentacolo è un oggetto di metallo, carta o pergamena che contiene iscrizioni magiche solitamente dentro una stella a cinque punte. Esistono varie categorie di pentacoli magici o pentacoli di Salomone utili a supportare una richiesta specifica presentata alle entità supreme, i più famosi dei quali sono il pentacolo di Venere e il sigillo di Salomone. I sigilli salomonici sono parte integrante della vera magia salomonica e chiunque voglia praticarla in modo corretto deve necessariamente conoscere come realizzare e come utilizzare un sigillo o pentacolo magico.

Pentacolo di Venere

Nella categoria dei pentacoli di protezione appartenenti ai pentacoli planetari, il pentacolo di Venere è certamente il più conosciuto. Di norma viene utilizzato per qualsiasi desiderio inerente l’amore e per l’armonia di coppia e può avere disegnata una stella a cinque punte oppure una clessidra, all’interno della quale si trovano iscrizioni con i nomi degli spiriti legati a Venere. Va personalizzato con i dati anagrafici di chi lo richiede e dev’essere caricato solo da un operatore con perfetta conoscenza della magia salomonica, viceversa c’è il rischio reale di ottenere un effetto opposto rispetto a quello desiderato.

Sigillo di Salomone

Il sigillo di Salomone, noto anche con il nome di esagramma o stella a sei punte, è un simbolo molto antico costituito da due triangoli equilateri intrecciati. Il triangolo con il vertice in basso rappresenta i due elementi pesanti, terra e acqua, il cui principio corporeo li fa puntare verso il basso, mentre il triangolo con il vertice in alto rappresenta i due elementi leggeri e spirituali, fuoco e aria. Secondo la simbologia del sigillo di Salomone, l’incrocio dei due triangoli forma un esagono centrale che rappresenta il cuore dell’uomo stabile e l’equilibrio creato dal movimento spirituale e da quello corporeo gli permette di ottenere forza interiore e saggezza. Si narra che il Re Salomone lo utilizzò fino al momento della sua morte per scacciare i demoni e invocare gli angeli, per tale motivo la stella a sei punte viene anche chiamata sigillo di Salomone ed è uno strumento per proteggersi da energie negative tra i più validi in assoluto.

Testo protetto da copyright